furto negozio

Cosa fare in caso di furto nel tuo esercizio commerciale?

Il furto in negozio, noto anche come taccheggio, è un reato sempre più diffuso e punibile per legge. Negli ultimi anni, questo fenomeno ha colpito una vasta gamma di attività commerciali, dal supermercato al negozio di alimentari, dal centro commerciale alla fruttivendola sotto casa. Non solo i negozi che vendono beni di valore, ma anche quelli che offrono prodotti di uso quotidiano sono a rischio, a causa della crescente crisi economica, dell’incremento della criminalità e della povertà.

Per proteggersi, i commercianti possono adottare dei sistemi antitaccheggio per il negozio, utilizzando etichette antitaccheggio speciali o placche antitaccheggio. Questi dispositivi avvisano il proprietario, i dipendenti o il personale di sicurezza se qualcuno cerca di taccheggiare senza passare dalla cassa. Inoltre, i proprietari dei negozi possono migliorare la sicurezza usufruendo di servizi di sicurezza, come quelli forniti da Ebesse Provider Security.

Ma cosa fare in caso di furto se il ladro è riuscito a superare il sistema antitaccheggio o è già fuggito? Il commerciante può procedere con la presentazione di una denuncia presso le autorità competenti, recandosi presso la stazione di polizia locale. Questo vale indipendentemente dal valore della merce rubata. La denuncia verrà registrata e successivamente trasmessa alla Procura della Repubblica.

E se si sorprende il ladro in flagrante?

Il commerciante o il vigilante responsabile della sicurezza all’interno del centro commerciale può scoprire il ladro sul fatto, ossia mentre sta commettendo il furto o subito dopo averlo commesso, come previsto dall’articolo 73 del Codice Penale. Questa constatazione può avvenire attraverso le registrazioni delle telecamere di sorveglianza, nel caso in cui il negozio sia dotato di un sistema di sicurezza con telecamere. Le immagini registrate costituiscono una prova tangibile ed effettiva di flagranza di reato.

Il commerciante o il vigilante hanno il diritto di fermare il ladro e richiedergli di restituire la merce. Se il ladro si mostra non collaborativo o aggressivo, è necessario procedere con la denuncia e chiamare le Forze dell’Ordine, se non sono già state allertate tramite il sistema di sorveglianza con telecamere e l’allarme. Nel caso in cui il ladro riesca a fuggire o sia armato (in tal caso, si configurerebbe una rapina a mano armata), è necessario procedere con la denuncia e fornire alle autorità le registrazioni video come prova.

Furto in negozio dotato di telecamere: chi può consultare le registrazioni?

L’accesso alle registrazioni non è consentito a tutti, in conformità con le leggi sulla privacy. Solo l’autorità giudiziaria e la polizia giudiziaria hanno il diritto di accedere alle registrazioni. Questo avviene dopo aver presentato una denuncia regolare presso le Forze dell’Ordine.

Come denunciare un furto in negozio?

La denuncia può essere presentata presso la stazione di polizia/carabinieri della tua città.

Qual è la pena per un furto in negozio?

La gravità e la pena per un furto in Italia, che sia semplice o aggravato, variano. Le multe vanno da 154 € a oltre 500 € nel caso di furto semplice, mentre nel caso di furto aggravato, le multe possono essere più elevate, partendo da 100 € fino a 1000 € o anche di più. La situazione può peggiorare ulteriormente in base alla gravità del reato e al valore della merce rubata, con multe che possono arrivare fino a 45.000 € e una possibile pena detentiva fino a 3 anni di carcere.

Proteggi il tuo negozio dai furti con i servizi di Ebesse Provider Security

Se sei un commerciante e desideri proteggere il tuo negozio dai furti, puoi considerare l’uso dei servizi offerti da Ebesse Provider Security, un’azienda leader nel settore della sicurezza in tutta Italia.

Carmelo Scicolone

Compila il modulo sottostante per ricevere più informazioni:

    Inserire delle note per specificare ogni esigenza e necessità:

    Presto il consenso al trattamento dei dati personali (Art. 6-7 Regolamento UE 2016/679):

    Presto il consenso all’invio di comunicazioni commerciali (Art. 130 D.Lgs. n. 196/2003):

     

    Leave A Comment