La pirateria marittima torna a colpire

Home - BlogVigilanza Privata - La pirateria marittima torna a colpire

Dopo anni di casi di dirottamento in costante calo, la pirateria è in aumento e il coronavirus potrebbe peggiorare la situazione.

Negli ultimi mesi, con un minor numero di navi che attraversano i mari, gli animali acquatici si sono divertiti nel loro habitat. Delfini megattere in via di estinzione sono stati avvistati ad Abu Dhabi e in altre zone al largo della costa di Lagos. Ma anche un altro ritorno è all’orizzonte: un clamoroso ritorno dei pirati.

Per anni, gli attacchi di pirateria alle principali rotte marittime sono in calo. Anche se l’International Maritime Bureau (IMB) nel 2019 ha descritto il Golfo di Guinea come “una delle rotte marittime più pericolose al mondo”, nel complesso, gli incidenti di pirateria marittima lo scorso anno sono stati i più bassi dal 1994.

Oggi le cose stanno cambiando, è probabile che la pandemia aggravi le condizioni che portano alla pirateria marittima, come la povertà e la disoccupazione.

Secondo l’IMB, i primi tre mesi del 2020 hanno visto un aumento del 24% della pirateria marittima e delle rapine a mano armata rispetto allo scorso anno. Il Golfo di Guinea, che circonda la maggior parte dell’Africa occidentale e centrale, rimane un punto caldo. Nelle Americhe, ci sono stati una serie di recenti attacchi contro piattaforme petrolifere e navi nella baia messicana di Campeche. Non è ancora stata stabilita una relazione causale diretta tra la crisi del coronavirus e la pirateria. Ma poiché i governi danno la priorità alla salute pubblica rispetto alla sicurezza, è probabile che la pandemia peggiori le condizioni che portano alla pirateria marittima, come la povertà e la disoccupazione.

“La mancanza di opportunità economiche praticabili lega i luoghi in cui si osserva la pirateria”, afferma Maisie Pigeon, responsabile del programma Africa per il programma Stable Seas di One Earth Future. Nel Golfo di Guinea, le industrie dominanti del petrolio e del gas sono state duramente colpite dalla crisi. “Si potrebbe certamente capire un mondo in cui più persone sono spinte a partecipare ad attività illecite come la pirateria e le rapine a mano armata per mantenersi”.

Share:

Leave A Comment