ATTENZIONE: Consigli utili per tutte le Donne

Home - Bodyguard & Security - ATTENZIONE: Consigli utili per tutte le Donne

Quando si parla di autodifesa femminile, non bisogna considerare solo corsi che prevedono tecniche di vario tipo. Per meglio prevenire spiacevoli situazioni a rischio esistono suggerimenti e precauzioni che ti consigliamo di mettere in atto, essi sono:

  1. Guardarsi intorno

Attraversando una zona isolata o buia, ma anche un luogo dove c’è molta ressa, non bisogna apparire mai distratte o vulnerabili. Parlare al cellulare senza guardarsi intorno o isolarsi nell’ascolto di musica con gli auricolari può distogliere l’attenzione da quello che vi circonda. È sempre importante essere vigili e identificare eventuali luoghi sicuri dove rifugiarsi in caso di problemi, come negozi, bar o ristoranti. E se ci si perde? Meglio non usare il telefono o consultare una mappa nel bel mezzo di una strada sconosciuta e solitaria. Basta entrare in una caffetteria o in un negozio e controllare da lì.

  1. Mai sottovalutare i parcheggi

Nell’entrare nel parcheggio, dare subito uno sguardo d’insieme all’intera zona, assicurandosi che non vi siano persone sospette, e familiarizzare con le uscite. Evitare di parcheggiare nei pressi di grandi furgoni. Se al ritorno si trova un van parcheggiato accanto all’auto, entrare dal lato del passeggero. Meglio non lasciare oggetti di valore a vista nell’abitacolo, perché attirano l’attenzione. Muoversi rapidamente in entrata e uscita dal veicolo evitando di dare la schiena nel riporre sacchetti o bagagli.

  1. Respingere chi importuna

Se qualcuno si avvicina, cercare prima di tutto di mostrarsi sicure: una postura del corpo rilassata ma prudente può aiutare: tenere la testa eretta e il corpo ben piantato a terra, parlare con voce seria dal tono deciso evitare di guardare il molestatore direttamente negli occhi: potrebbe essere inteso come un atteggiamento di sfida o aggressivo. Di fronte a insulti o proposte volgari, dire subito e chiaramente che quelle parole mettono a disagio e che quel comportamento rappresenta una molestia, ma senza provocare il molestatore. Evitare di fornirgli giustificazioni o scuse: potrebbero essere interpretate erroneamente come inviti a proseguire la conversazione. Rispondere no anche a proposte apparentemente gentili o innocue, come quelle di aiutare a portare la spesa; a volte sono il primo passo verso situazioni spiacevoli.

  1. Tenere una distanza di sicurezza

Se capita di camminare da sole di notte, magari dal parcheggio al portone di casa, portare un paio di scarpe basse di riserva per essere più agili e legare capelli (in caso di aggressione potrebbero fornire un appiglio). Se si nota qualcuno che si dirige verso di noi cambiando direzione, passiamo subito sull’altro marciapiede. Mettere una distanza di sicurezza consente di avere più tempo per valutare eventuali situazioni di pericolo: nessun estraneo dovrebbe entrare nello spazio personale altrui. Se si viene aggredite, infine, un consiglio apparentemente anomalo ma assai efficace è di urlare “al fuoco” più che “aiuto”, per non generare paura in chi ascolta e favorire il suo intervento.

  1. Difendersi

La cosa migliore da fare, notando di essere inseguite è di non perdere tempo e di cominciare subito a scappare correndo a zig zag: questo stancherà il delinquente. Non esitare a urlare per cercare l’aiuto di passanti o negozianti.

  1. Mettere al sicuro denaro e documenti

Per prevenire scippi e borseggi, sempre meglio camminare sulla parte interna del marciapiede, con la borsa dal lato del muro. Evitare anche di indossare gioielli vistosi. Sui mezzi pubblici invece borsa chiusa e vicina al corpo. Mantenere sempre separati denaro e documenti mettendoli in tasche o scomparti diversi. Mentre si guida, inserire le sicure alle portiere e, se possibile, sistemare la borsa sotto il sedile del passeggero.

  1. Condividere informazioni e precauzioni

Se si va a correre o a fare una passeggiata o se si esce da sole la sera, avvisare sempre un’amica o un’altra persona di fiducia dando dettagli sulla destinazione e su quanto si prevede di stare fuori. Bastano pochi secondi. Se si torna a casa in taxi (in alcune grandi città ci sono sconti speciali per le donne sole di notte) o accompagnate da amici in macchina, scendere con le chiavi di casa già in mano e chiedere a chi è al volante di aspettare finché il portone non si sia chiuso.

  1. Quando la tecnologia salva la vita

Per molte delle situazioni delineate finora, oggi si può contare su un prezioso alleato per la sicurezza: lo smartphone. Le app pensate per contrastare molestie e aggressioni sono tante. Cerca quelle che più ti aggradano e fruttale a tuo vantaggio

È vitale tenere sempre alta l’attenzione su questo tema. Conoscere, prevenire e contrastare la violenza sulle donne è un affare importante: 120 sono le vittime di femminicidio nel 2016 nella sola Italia e quasi 7 milioni di donne hanno subìto nel nostro Paese una forma di violenza almeno una volta nella vita.

Anche E.B. ESSE si preoccupa della sicurezza con le migliori soluzioni per proteggere il presente e il futuro delle donne….

Share:

Leave A Comment